BleachBit: CCleaner per le distro Linux

Visto che Alefar ha postato un articolo su CCleaner, ho pensato di postare questo articolo in cui presento un programma praticamente identico per Linux.

“Bleach” in inglese significa “candeggina” e la candeggina, si sa, elimina tutti i germi.

Scaricate e installate il pacchetto bleachbit tramite il vostro gestore di pacchetti oppure compilate il sorgente che potete trovare qui (insieme anche ad alcuni pacchetti precompilati per le maggiori distribuzioni).

Avviate il programma col comando  bleachbit e vi si presenterà davanti la seguente finestra:

{limage}immaginisingole/bleachbit.png{/limage}

Il funzionamento è dalla semplicità disarmante: selezionate nella colonna di sinistra le cose che volete che BleachBit ripulisca e poi cliccate in alto su pulsante “Preview”. Il programma passerà allo scanner il vostro intero filesystem e alla fine vi mostrerà nella colonna di destra tutti quei file che potete eliminare: cliccate su “Delete” e confermate.

BleachBit è in grado di riconoscere la distro su cui lo state facendo girare e così a seconda della distro vi proporrà di pulire cose differenti (ad esempio la cache di apt sui sistemi debian-based).

Inutile dire che comunque è un sistema di pulizia automatico e che pertanto sarebbe consigliato dare un’occhiata ai file che BleachBit ha deciso di eliminare.

Ultima nota: alcuni dei file che BleachBit individuerà saranno fuori dalla vostra home e pertanto se li volete eliminare dovrete far girare il programma con i permessi root. Io personalmente per il momento mi sono accontentato di eliminare gli inutilissimi 200mb di file che si erano accumulati nella mia home, non sono stato abbastanza coraggioso da far partire una pulizia automatica del sistema con permessi root (e quindi ho mantenuto sul sistema 100mb di file che BleachBit ha ritenuto inutili). Se qualcuno prova, mi faccia sapere come gli è andata.