Recuva: per recuperare i file dall’hard disk

Può succedere di cancellare per errore una serie di file che erano in realtà essenziali, o addirittura può capitare che questi file vengano persi senza che sia colpa nostra. Il programma Recuva, scaricabile a questo indirizzo http://www.piriform.com/recuva/download , viene in nostro aiuto recuperando quei file che credavamo persi irrimediabilmente.

Il programma pesa poco meno di 2 MB e il suo utilizzo è più che semplice. Una volta installato e avviato il programma vi sono due tipi di utilizzo: tramite wizard oppure in modalità avanzata.Se scegliete la prima modalità dovrete superare tre fasi

in cui dovete scegliere il tipo di file da recuperare (immagini,musica,video….oppure tutti i tipi di file), la locazione dove cercare i file (si può scegliere da “non ne sono sicuro”, fino a una posizione specifica, nel nostro caso una penna usb dal computer riconosciuta come disco H).

Ecco come si presenta la penna prima della formattazione,

ed ecco cosa il programma rinviene dopo la scansione approfondita: il programma ha trovato sia le immagini inerenti all’articolo, sia immagini che avevo cancellato parecchio tempo fa, e che neanche con la formattazione approfondita sono riuscito a eliminare.

Adesso vi basta selezionare le foto che ci interessano e scegliere dove salvarle. Per un recupero sicuro è più indicato salvare i file in una posizione diversa da quella d’origine.

Se decideste invece di utilizzare la modalità avanzata basta cliccare su annulla non appena compare il wizard, e vi ritrovereste di fronte a questa schermata

Nella zona 1 scegliamo il disco di provenienza dei file, con la zona 2 avviamo la scansione, mentre con la zona 3 selezioniamo il tipo di file sa ricercare. Ed ecco il risultato dopo la scansione:

il colore a fianco al file indica lo stato del file cioè se questo è recuperabile o meno.

Il verde indica la recuperabilità certa

Giallo indica la possibilità di recupero ma non da certezza

Rosso il file non può essere recuperato

La tabella mostra anche numerose informazione sul file come il nome, il percorso d’origine, la data di ultima modifica, e la dimensione del file.

Viene allora il dubbio se esiste o meno la possibilità di cancellare le tracce da un hard disk. La risposta è si, e prima di spiegare come c’è bisogno di un piccolo approfondimento: quando si cancella un file in realtà non si distruggono i bit di cui è composto (lo abbiamo già visto), bensì lo spazio occupato da questo file viene semplicemente etichettato come riscrivibile. Quindi in teoria potreste cancellare ogni traccia di file da un hard disk semplicemente riempendolo fino all’orlo di file finti; oppure utilizzate Recuva, selezionando i file recuperabili, cliccando col destro e scegliendo sovrascrittura sicura, cioè etichettando tali file come utilizzabili. Dopo questa operazione ho riavviato la scansione. Il numero di file rinvenutiè inferiore (da 97 a 55) e le immagini sono comunque inutilizzabili.

In ultimo esponiamo le opzioni: le impostazioni sono di default ottime, ma se si possono ottimizzare secondo i gusti. La scheda secondo me più importante è quella delle azioni dove si può addirittura selezionare la possibilità di recuperare tutto ciò che è salvabile da un hard disk danneggiato, quindi graffiati o danneggiati.

Fate i vostri esperimenti e stupitevi di quanto sia potente questo software